L'astrofotografia è un argomento complesso, per essere affrontato nel migliore dei modi necessita la creazione di un bagaglio di conoscenze teoriche, tecniche e pratiche che insieme hanno l'obiettivo di immortalare dal nostro "blue pale dot" le bellezze che la nostra galassia e il nostro universo piò regalarci.

Il capitolo circa l'acquisizione delle immagini, l'uso della strumentazione più adatta al tipo di soggetto da riprendere si può trovare in questo capitolo. 

Ora, che abbiamo passato nottate con il naso all'insù ad ammirare il cielo, con le dita incrociate sperando che non ci fossero capovolgimenti climatici, nuvole e problemi e imprevisti alla strumentazione, siamo in possesso di decine e decine di file. 

Abbiamo i nostri light, dark, bias e flat. Questa terminologia, se non dovesse esservi nota, come dovrebbe visto che stiamo affrontando l'elaborazione, la trovate in questa sezione.

La nostra elaborazione arriva quindi al nostro primo step, dove dobbiamo estrapolare il segnale al netto delle correzioni cosmetiche: questa è più che altro una preparazione al processo, che prevede la scelta dei light, la calibrazione delle immagini, la correzione cosmetica, il debayering, l'allineamento e la somma delle immagini, per arrivare al nostro scatto da elaborare. 

Il primo step in assoluto sarà selezionare tra tutti i light quelli che sono idonei all'elaborazione. In una nottata di astrofotografia gli imprevisti che possono compromettere uno scatto sono molti e molto frequenti, specie se i tempi di posa si allungano: un aereo, un satellite, delle nuvole, l'umidità, luci estranee che colpiscono il tubo ottico per mille ragioni, un errore di inseguimento, dell'autoguida, incespicare sul cavalletto.. e sicuramente ce e son delle altre. 

Per aiutarci nella selezione, eccoci alla scoperta del primo tool di pixinsight che ci viene in soccorso: Blink.

Blink si trova nel menu Processi, sottomenu ImageInspection.

[foto]

Esso ci permette di valutare velocemente gli scatti, caricandoli e facendoli scorrere in sequenza. All'apertura del tool, l'unico pulsante cliccabile è quello che permette di caricare le immagini precedentemente salvate sul pc. Una volta caricati i file, si attiveranno gli altri pulsanti del tool.

Vuoi restare aggiornati sui prossimi articoli? Iscriviti alla newsletter!